IL MANIFESTO  PROGRAMMATICO DELL'ACCADEMIA DELL' IMMAGINE

L'Accademia internazionale per le Arti e le Scienze dell'Immagine  nasce nel 1992 per iniziativa di Gabriele Lucci e Vittorio Storaro in collaborazione con l'Università degli Studi dell'Aquila.

Ha come obiettivo quello di far conoscere e approfondire tematiche relative al settore della comunicazione audiovisiva (Film-Video-Televisione) e di creare, in un campo in continuo mutamento come quello degli audiovisivi, le basi per nuove professioni, promuovendone gli aspetti creativo e industriale. Si propone pertanto come punto di riferimento internazionale dove studiare il variegato mondo delle Arti e delle Scienze dell'Immagine, nell'ottica dell'attualità.

Oggi, come è noto, ci troviamo di fronte a uno scenario fortemente ridisegnato, dove il flusso maggiore di informazioni, nel sollecitare nuovi interventi, crea anche un'interazione tra l'Arte cinematografica e le altre Arti, con la conseguente dilatazione del cinema tout-court. Sotto la spinta delle nuove tecnologie tutto il settore delle comunicazioni si è notevolmente arricchito e modificato, creando un sistema interattivo capace di sollecitare rapporti dialettici tra le varie forme espressive.

Dunque un sistema complesso che crea come conseguenza modificati approcci di lavoro e, perché no, una “Nuova Cultura”. La scuola vuole essere un'adeguata risposta a queste problematiche e si pone come esperienza pilota a livello internazionale perché nel nascere all'interno dell'Università, evidenzia la volontà del mondo accademico di riconoscere le Arti dell'immagine come Bene Culturale al pari delle altre discipline. In questo modo favorisce l'incontro tra la dimensione tecnica ed artistica di avanguardia e la tradizione culturale accademica.

Tutto ciò dà solidità all'Accademia internazionale per le Arti e le Scienze dell'immagine, crea le premesse per un suo radicamento futuro e ne garantisce in prospettiva l'integrazione con il sistema universitario italiano e europeo, ma anche con il più vasto sistema di istruzione nel campo audiovisuale. L'Accademia dell'Immagine, dunque, non nasce con criteri di concorrenza ma, forte della sua peculiarità, offre ulteriori possibilità di studio e di ricerca. L'approccio accademico si riflette naturalmente nella proposta didattica creando idonee premesse per conoscere, in modo più consapevole, il mondo dell'audiovisivo.

Un mondo caratterizzato non soltanto da Cinema, Televisione e Video, ma anche da tutte quelle Arti che influenzano profondamente l'espressione attraverso l'immagine. L'offerta qualitativa della scuola è garantita dalla presenza, come docenti, di professionisti di assoluto livello internazionale, che si distinguono per interventi e tipi di approccio significativi nel campo della Ricerca relativa ai Nuovi Linguaggi. Costoro, nel condividere il progetto dell'Accademia dell'Immagine, si rendono disponibili a trasmettere il loro patrimonio di conoscenze e a fare della scuola un osservatorio sul mondo del linguaggio audiovisivo.

Tutto ciò nella consapevolezza del ruolo che può avere una scuola come momento di conservazione della “Memoria” a vantaggio dei giovani, ma anche come momento di crescita culturale, di scambio di informazioni e di conoscenze. Nell'anno 1993-94 l'Accademia internazionale per le Arti e le Scienze dell'immagine inizia con una serie di appuntamenti mensili, emblematici, attraverso lo studio di particolari temi, autori e movimenti artistici, di quanto caratterizza l'audiovisivo. I Seminari, vere e proprie "extesions” su diversi aspetti dell'immagine, vengono proposti ogni anno e sono rivolti prevalentemente alla popolazione universitaria per integrare i propri studi, nonché a insegnanti, a cultori della materia a studenti di scuole di cinema e ad addetti ai lavori che possono così ampliare il loro campo di indagine.

Si tratta di stage tesi da un lato a avvicinare il mondo dei giovani a quello dell'audiovisivo, dall'altro a lanciare, nell'Anno accademico 1994\95, un Corso di studi di cinque anni, rivolto a chi voglia acquisire una formazione professionale ad alto livello di specializzazione nel campo delle Arti e delle Scienze dell'immagine. A pieno ritmo l'Accademia prevede dunque il funzionamento contestuale dei Seminari e del Corso Accademico. Essa potrà così rispondere sia alle esigenze di quanti vogliano conoscere e approfondire particolari tematiche relative al settore della comunicazione visiva, sia alle richieste di chi voglia intraprendere un corso di studi di livello universitario nel campo dell'immagine.