Nel 2000 Gabriele Lucci promuove la nascita della Cineteca dell'Aquila contribuendo così a dotare l'Istituto Cinematografico, da lui fondato, di un importante strumento di conservazione della memoria del cinema, come auspicato dai tanti artisti. 

 

 

La Repubblica, 1988. Da un'intervista di Marco Visconti allo scenografo Premio Oscar George Jenkins

"BIsogna creare una memoria storica. In futuro l'Istituto Cinematografico dell'Aquila potrebbe realizzare un archivio, una preziosa Cineteca per poter conservare tutto quel materiale di inestimabile valore che rischia altrimenti di andare distrutto"

 

2000 - Dall'intervento di Gabriele Lucci in occasione della presentazione della Cineteca

"L'aver iniziato, ormai venticinque anni anni fa, qui all'Aquila proprio con un Cineclub nel quale venivano proiettati capolavori del cinema introvabili; l'aver indagato poi tutti gli aspetti dell'audiovisivo nelle sue multiformi applicazioni e ritrovarci ancora oggi a poter godere di un'infinità di metri di pellicola, impressionata con le immagini che rappresentano la Storia del Cinema, chiude senz'altro simbolicamente un percorso personale e, in parte, dello stesso Istituto Cinematografico "La Lanterna Magica". L'Ente aquilano, infatti, con l'anno 2000 tra le novità che lo caratterizzano può indicare quella più significativa nell'acquisizione di un patrimonio di oltre 1500 pellicole, una Cineteca che per importanza senz'altro si colloca al primo posto nella Regione Abruzzo, e tra le più importanti in Italia...." 

 

Il Centro

"......Prestigiosa collaborazione tra il Louvre e La Lanterna Magica. Ad appena tre mesi di attività la Cineteca, il nuovo settore dell'Istituto Cinematografico dell'Aquila, vanta un avvio soddisfacente con riconoscimenti in campo nazionale ed internazionale...."